VINCITORI
VIII CONCORSO “POESIA IN CAMMINO"


Solitudine

Mi perdo
nei giochi pericolosi
della mia intelligenza,
cercando
il vero, l'ignoto, l'oscuro.

Provo a volare nella notte,
cercando di non illuminare,
fedele a me stessa,
libera nel pensare,
aliena finalmente dai compromessi
in cui gli altri cercano
di imprigionarmi,
giorno dopo giorno.

Il futuro,
io mi illudo,
sarà migliore.

Così mi sento,
una pietra forte e marmorea
scagliata lontano dagli egoismi umani…

Ma io ti vincerò,
solitudine,
trovando nella folla
quel dialogo sincero, unico e leale
che sogno.

Aurora Marolla


Il tempo maledetto

Il tempo maledetto
si è fermato
tra sposalizi di alabastro e granito.
Scandisce inceppato la lancetta,
con grumi laccati di sangue.
Fetide anime morte
esalano morbosi ricordi:
rovine grigie.
Il cemento ne è coagulato.
Scarpe senza piedi
camminano su campi minati.
La carne ne è pregna..
Inesplosa.

(Libano Sud, Bint, tra macerie di guerra in discarica)

Dimitri Ruggeri


Sottovoce

Silenziosa questa notte,
solo i nostri battiti
a riempire la tacita oscurità
di questa stanza…
Profondi i tuoi respiri,
che accarezzano il mio viso,
che echeggiano fin dentro la mia anima
e parlano d'amore…
Dolce quel tuo sorriso,
sincero il tuo sguardo,
è così bella la tua anima…
Sei restato accanto a me,
per cullare i miei sogni, per stringere le mie mani
e non lasciarle più…
il tuo profumo,
che in un istante,
ha colorato questo mio dolce sentimento…
Nella notte
ho sentito cantare il tuo cuore
che, anche quando il silenzio regnava,
sottovoce
mi raccontava il tuo amore…

Maria Veronica Spagnoli



Jerusalem

Quelle stradine del centro
pulsano di colori di mercato
e di odori penetranti
tra spezie esotiche
e tappeti pregiati.
Si alternano con regolarità
stazioni della via Crucis con bazar,
curiosi con fedeli,
turisti con viaggiatori.
Tutto sotto lo sguardo di kippà da una parte
e kefijeh dall'altra.
Se solo si notasse
che la cupola d'oro
ed il muro di cinta,
si sostengono l'un l'altro…
Se solo si notasse
che le radici degli alberi ed il turchese del cielo
sono comuni ad entrambi…
Sogna Gerusalemme
in questa rara notte di pace
che ti vede riposare calma.
Sogna Gerusalemme
tra i riflessi delle luci
sui carri armati spiegati.

Manuel De Santis



Donazione di Organi

La mia rosa sta appassendo…
Non lasciate
che i miei petali odorosi cadano…
Prendeteli sì che possano donare
la loro vitalità e la loro dolcezza
al fratello che sentirà fluire
la mia linfa
ed il calore della mia generosità.
Da una sola "rosa"
tanti "boccioli" fioriranno nuovamente
e lo faranno per tante primavere,
anche per quelle
che non avrei mai potuto vedere.
E' il dono meraviglioso della vita
e dell'amore fraterno…
E' il miracolo dell'umanità!

Marilisa Facchetti



Diversità

In quello sguardo non c'è arguzia,
ma parlano comunque quegli occhi,
in quei movimenti non c'è grazia,
eppure sono espressivi quei gesti,
in quei comportamenti non c'è astuzia,
e comunicano ugualmente quelle condotte,
in quella risata non c'è letizia,
ma c'è lo stesso gioia in quel riso.
In quel suo stato non c'è ingiustizia,
di cui sentirsi responsabile,
niente, nulla, neanche una inezia,
è solo diversamente abile,
una tenera delizia,
è un figlio adorabile.

Giulia D'Orazio

 

Sito realizzato dal "Gruppo Giovani"
2010 - Accademia d'Abruzzo
risoluzione ottimale 1024 x 768
Note legali
Alessandro Magno Claudio Tolomeo Marco Polo Immanuel Kant Charles Darwin Vilfredo Pareto